Disuguaglianze nel semestre europeo

07 ottobre 2020

Autori: Antonucci Lorenza, Corti Francesco
Partner: FEPS, Fondazione Pietro Nenni, SOLIDAR, Fondazione Kalevi Sorsa e Društva Progresiva.
Fin dal suo inizio, il semestre europeo ha suscitato interesse per i suoi effetti sui risultati sociali dell’UE. Tuttavia, il semestre è privo di un quadro per monitorare le disuguaglianze socioeconomiche all’interno degli Stati membri.

In questo studio, Lorenza Antonucci e Francesco Corti propongono un nuovo quadro per affrontare i limiti dell’attuale semestre : considerando la crescente insicurezza socio-economica delle classi medio-basse europee; collegare gli aspetti sociali ed economici del semestre; sfruttare gli effetti ridistributivi della tassazione.

Poiché il semestre europeo svolgerà un ruolo chiave nell’attuazione di tali piani di ripresa , diventa essenziale portare avanti il ​​processo di revisione di questo fondamentale strumento di coordinamento e trasformarlo in uno strumento utile in grado di cogliere i cambiamenti che interessano aspetti vitali della nostra vita quotidiana: salute, istruzione e lavoro.

Di conseguenza, sviluppano una serie di 9 raccomandazioni per un nuovo semestre che affronti veramente le disuguaglianze. La raccomandazione chiave è iniziare a monitorare le disuguaglianze. Attualmente, c’è un focus sulla povertà assoluta e poche informazioni sulle tendenze che influenzano la classe media europea. Gli indici del semestre devono essere aggiornati; il monitoraggio della precarietà del lavoro, delle insicurezze finanziarie delle famiglie e dell’accesso a servizi chiave come l’assistenza ai bambini e agli anziani devono far parte del kit di strumenti europeo per il coordinamento della ripresa.